News Ticker

Conferenza dei sindaci di Area Vasta sulla sanità, Urbino.

Questa mattina (9 gennaio 2016) il presidente di Pergola Unita Mattia Priori e il consigliere comunale Giovanni Londei sono andati direttamente alla conferenza dei sindaci di area vasta per vedere con i propri occhi e sentire con le proprie orecchie la situazione della sanità del nostro entroterra alla luce degli ultimi sviluppi.

Il presidente della conferenza Gambini (sindaco di Urbino) è stato da subito chiaro, invitando ad una unione di intenti di tutta la provincia che superi le divisioni, le logiche di partito e le strumentalizzazioni politiche.

Quello che praticamente con Pergola Unita diciamo da sempre per la nostra comunità pergolese, non a caso abbiamo chiesto la commissione consiliare sulla sanità (bocciata dal sindaco Baldelli).

I sindaci di Sassocorvaro e Cagli nei loro interventi hanno chiesto giustamente per la loro comunità e con molta chiarezza di essere riconosciuti ospedali di area disagiata e con PPI H24 (quello che i cittadini, soprattutto quelli non avvezzi alla terminologia, intendono come pronto soccorso). Praticamente di diventare un presidio come quello di Pergola!

Alla faccia di chi dice che ad oggi non siamo riconosciuti dalla Regione diversi dagli altri, come diciamo noi da mesi!

Del vicesindaco di Fossombrone, l’altro dei 3 comuni colpiti dai recenti tagli e dalla riconversione in casa della salute sinceramente non si è capito bene quali sono le richieste..

In una difficile assemblea nella quale il presidente Gambini ha fatto di tutto per unire e superare le divisioni, abbiamo assistito da subito e in diretta anche alle solite strumentalizzazioni politiche destinate a “ingannare” i non presenti a caccia di voti, come quella di dire che sia stata chiusa la bocca ai comitati.
Non è la verità, è stato lo stesso Gambini nel suo ruolo di presidente ad opporsi alla richiesta di mettere alla votazione un intervento dei comitati non necessario in quella sede (è un’assemblea dei sindaci che sono tutti già abbondantemente informati sulla questione), frenando così sul nascere quello che è stato un evidente tentativo strumentale per ottenere voti contrari per poi dire: qualcuno ha chiuso la bocca ai comitati! Un plauso alla correttezza del presidente Gambini, sindaco di Urbino dove il partito democratico è all’opposizione.

È ora infatti che la politica dica basta alle strumentalizzazioni e si concentri sui contenuti. E’ con quelli che i cittadini migliorano il proprio vivere, non con gli articoli di giornale!

È di seguito stata votata all’unanimità dei presenti (assenti Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, uscito prima e Palmiro Ucchielli, sindaco di Vallefoglia, esponente storico del PD provinciale regionale) un documento di richiesta di “blocco immediato” delle delibere 735 e 1183, che riconvertono Cagli, Sassocorvaro e Fossombrone in casa della salute!!

Ora aspettiamo la Regione e quello che dirà a riguardo. Speriamo che la giunta e il consiglio regionale abbiano il coraggio di migliorare quello che avevano previsto per le comunità dei nostri territori.

Ma speriamo anche da Pergolesi impegnati nella tutela del nostro ospedale che questo non rimetta in discussione anche la posizione del nostro nosocomio, che da questo momento potrebbe essere rimessa indirettamente “in ballo”.

Pergola Unita si è sempre opposta a censurare totalmente l’operato della regione nei confronti di Pergola, perché ci ha attribuito una posizione quella di presidio per acuti in zona disagiata che oggi è addirittura ambita dagli altri comuni, situazione che rafforza e non di poco quello che diciamo da sempre.

Basta di strumentalizzare sempre tutto, alle persone vanno dette le cose vere, è ora di dire basta al sentito dire.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*